Notizie dai Ricossa Sett. 2019

3 LETTERA DI PREGHIERA                                           Kedougou 8 settembre 2019

Cari nel Signore…..
La settimana appena passata è stata per noi una settimana molto intensa ! Abbiamo avuto qui nella casa missionaria un bel gruppo di credenti locali, 23 circa, per una settimana di studi biblici sulla chiesa.  In buona parte essi provengono da villaggi in cui ci sono stati i missionari che ora però si sono ritirati e loro hanno estremo bisogno di insegnamento ed incoraggiamento. Sono si credenti ma sono rimasti all’ a b c della conoscenza biblica.  Nella maggior parte dei casi non hanno ancora l’intera Bibbia tradotta nella loro lingua e la possono leggere solo in lingua francese, per chi la conosce……   un missionario americano ed uno della Costa d’Avorio hanno portato gli studi ai credenti. 

Parlando con loro ho conosciuto delle storie molto interessanti ! Queste persone sono molto riconoscenti a Dio per aver mandato i missionari nei loro villaggi per portare il Vangelo ! “Prima che arrivasse la luce del Vangelo di Cristo, vivevamo nelle tenebre e nella paura”, dicono !  Anche se provengono in gran parte dall’ islam, sono in realtà animisti !  (in Senegal la religione preponderante è l’islam, seguito dal cattolicesimo, ma entrambe hanno  aspetti animistici che non sono mai stati abbandonati) .

E’ stato molto interessante condividere i pasti con loro e conoscere la loro cucina che è principalmente a base di riso bollito che viene poi condito con salse piccanti e l’onnipresente cipolla ! Per quelli un po’ più abbienti c’è anche la carne di vitello o agnello.  Si mangia suddivisi in piccoli gruppi con una unica grande ciotola nel mezzo, generalmente usando la mano destra come pala per prendere il cibo da mangiare…… questa volta però abbiamo usato i cucchiai !!!!

Grazie a Dio per queste persone che sono state strappate all’inferno e con le quali condivideremo l’eternità alla Sua presenza !     

Ora che conosco più da vicino le condizioni di vita che i fratelli missionari affrontano per vivere con queste popolazioni e portare loro l’ Evangelo della grazia non posso smettere di ringraziare il Signore per questi suoi figli che hanno veramente compreso cosa significhi rinnegare se stessi e seguire Cristo ! E non posso non rattristarmi per l’indifferenza generale della chiesa italiana che poco collabora con il “grande mandato” e preferisce rimanere nella sua “comfort zone” ! (passatemi un po’ di inglese che a volte rende meglio l’idea !)


Abbiamo anche avuto in questa settimana un giovane fratello, Jan Jan (un credente che aiuta i missionari che sono nel suo villaggio nella traduzione della Bibbia) che si è sentito male ed abbiamo scoperto avere la malaria.   All’ospedale dove è stato portato non hanno saputo diagnosticare la malattia che abbiamo poi scoperto noi con dei test che abbiamo a casa. Con le pillole preventive per la malaria abbiamo potuto prestargli le cure necessarie….. ringrazio anche coloro con cui siamo riusciti a condividere il  problema ed hanno pregato per Jan Jan .  La malaria, in diversi paesi africani risulta ancora la prima causa di morte fra le popolazioni locali !    Infatti una decina di giorni fa è deceduto per questa malattia il figlio di 8 anni di un altro credente locale che aiuta nella traduzione …… preghiamo che Dio consoli i cuori dei genitori !   

Vogliamo come al solito condividere con voi qualche soggetto di preghiera e motivi di lode :

1 – pregate per la salute di Maria; spesso si sente stanca e spossata

2 – pregate perché possiamo trovare una donna capace e fidata che aiuti Maria nei lavori di pulizia degli ambienti interni

3 – pregate che io possa trovare un ragazzo fidato e serio che mi possa aiutare nei lavori di manutenzione esterna

4 – Ringraziamo il Signore per la settimana benedetta che abbiamo avuto

5 – Gloria a Dio per le cure quotidiane  e l’amore che continua a dimostrarci

Ringraziamo di cuore tutti voi per le preghiere ed in particolare tutti i fratelli e le sorelle che ci hanno mandato messaggi di incoraggiamento ………Un abbraccio fraterno                       Massimo e Maria

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Ethnos360 Italia