I primi sei mesi

Il missionario Bryan Moritz condivide con noi i primi sei mesi trascorsi con la sua famiglia nella Papua Nuova Guinea.

Bryan Moritz dice che è difficile credere che siano trascorsi già sei mesi da quando lui, sua moglie Shara e la loro famiglia si sono avventurati in un paese, in una cultura e in una lingua completamente nuovi.

“La vita qui è sempre interessante”, racconta Bryan. Questo è particolarmente vero durante i periodi di elezioni politiche. Bryan scrive: “Attualmente c’è un sacco di gente, ammassata nel retro dei camion, che canta per attirare l’attenzione sul loro candidato preferito. Questo dura per gran parte del giorno, ma anche durante la notte nella strada principale davanti casa nostra.”

Insieme a questi cortei elettorali, ci sono anche delle feste, dice Bryan. “Hanno delle feste rumorose e cantano durante tutta la notte.”

Queste sono soltanto alcune delle nuove abitudini che Bryan e Shara e i loro figli stanno acquisendo.

E c’è anche lo choc dei prezzi. Bryan dice che attualmente un gallone (circa 3,8 litri) di benzina o diesel costa tra i 7 e gli 8 dollari, e un barattolo di Nutella costa 16 dollari. “Inutile dire”, aggiunge, “che non compriamo la Nutella molto spesso.”

Anche se Bryan parla quotidianamente con gli operai locali, ha dovuto interrompere per un periodo i suoi studi della lingua. Mentre alcuni missionari sono partiti per quest’estate, lui ha dovuto fare un corso intensivo di costruzioni e di manutenzione.

“Sono sommerso da tanti impegni, ma la mia vita di preghiera è cresciuta molto, perché durante il corso delle giornate chiedo al Signore di darmi saggezza… Ecco alcune delle cose che svolgo: dirigo gli operai, controllo il computer per vedere se ci sono ordini di lavoro, controllo grandi generatori di diesel, fisso pannelli solari per l’acqua calda, aggiusto perdite dell’impianto idraulico, ordino il carburante diesel, faccio delle compere in città, pitturo, costruisco, pulisco e gestisco il negozio.”

Bryan e Shara sono stati benedetti quando i missionari tribali hanno visitato il loro centro. Bryan scrive: “È stato uno spalla a spalla molto armonioso con loro e questo ci fa ricordare lo scopo per cui siamo qui. Noi lavoriamo in questo servizio di sostegno in modo che i missionari tribali possano raggiungere le tribù con il Vangelo di Gesù Cristo e discepolare i credenti tribali.”

Bryan e Shara sono ansiosi di poter visitare alcune di queste località tribali nei prossimi mesi.

Bryan dice che questi mesi di adattamento sono stati ricchi d’incoraggiamento da parte dei compagni missionari. Ma l’incoraggiamento di Dio è stato ancora più grande. “Questa mattina ho letto i Salmi e sono stato incoraggiato nuovamente dal fatto di quanto sia grande il nostro Dio e che Lui ha il controllo. Con Lui non vacillo.”

Pregate per Bryan e Shara Moritz mentre continuano a costruire rapporti, e approfondiscono la loro conoscenza della cultura e della lingua. Pregate affinché Dio protegga la loro famiglia e li incoraggi con la Sua fedeltà nel loro servizio in Papua Nuova Guinea.

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Ethnos360 Italia